DOM PERIGNON DECODING #2

Prima di partire per New York abbiamo trascorso tre giorni nella Champagne, più precisamente ad Hautvillers, il luogo di nascita del Dom Pèrignon.

Questo viaggio è la conclusione di un percorso alla scoperta dello champagne più famoso al mondo, un viaggio iniziato lo scorso maggio a Barcellona insieme a Ferran Adrià e alla sua El Bulli Foundation.
Chi si fosse perso il post lo può rileggere QUI.

In questo post abbiamo deciso di riassumere in 10 punti alcuni “segreti” del Dom Pèrignon e in generale dello champagne.

1. Il Dom Pèrignon deve il nome al suo inventore, il monaco benedettino Pierre Pérignon (1638-1715), presunto ideatore del metodo champenoise nel 1670.

2. La prima vendemmia risale al 1921 anche se il prodotto fu venduto per la prima volta al pubblico solamente nel 1936.

3. Il Dom Pérignon è prodotto solo in annate eccezionali da uve raccolte in quell’anno, a differenza di altri champagne che possono essere ottenuti da uve raccolte in annate diverse.

4. Lo Champagne si ottiene attraverso il “blending“, una procedura che porta alla definizione dell’uvaggio: miscela di uve di qualità differenti.

5. Il Dom Pèrignon è ottenuto dal mix di due diversi tipi di uva: Chardonnay e Pinot Noir provenienti esclusivamente da vitigni della regione della Champagne.

6. Le uve raccolte quest’anno andranno e comporre il Dom Pèrignon che berremo tra una decina d’anni, quindi il frutto della vendemmia di quest’anno sarà probabilmente disponibile solo nel 2025.

7. Una bottiglia di Dom Pèrignon si ottiene da una pianta e 1/2 di vite.
la vendemmia viene effettuata manualmente (il disciplinare vieta l’uso delle macchine vendemmiatrici) in quanto è essenziale che l’uva arrivi al corretto grado di maturazione e perfettamente integra alla pigiatura.

8. I vigneti della Champagne hanno circa 50 anni e non superano quasi mai gli 80. Infatti per la composizione del suolo della ragione non è importante che le radici delle piante arrivino troppo in profondità.

9. Le dimensioni delle bottiglie di Champagne disponibili sono:
– il Quarto da 18,7 Cl
– la Mezza Bottiglia da 37,5 Cl
– la Bottiglia 75 Cl
– la Magnum 1,5 Lt
– la Rehoboam da 4,5 lt
–  la Jeroboam 3 Lt
– la Mathusalem  6 Lt
la Salmanazar da 9 Lt
– la Nabucodonosor da 15 lt

10. Non chiedete ad un cultore dello Champagne, specialmente allo Chef de cave di Dom Pérignon Richard Geoffroy, quale sia il migliore bicchiere nel quale bere questa preziosa bevanda ma vi basti sapere che ad Hautvillers non troverete mai un flute.

 photo IMG_6913d.jpg

 photo IMG_7124.jpg

 photo IMG_7194.jpg

 photo IMG_7068.jpg

 photo IMG_7171.jpg

 photo IMG_6916d.jpg

 photo IMG_7143.jpg

 photo IMG_7190.jpg

 photo IMG_6996.jpg

 photo IMG_7058.jpg

 photo IMG_6930d.jpg

 photo IMG_7115.jpg

 photo IMG_7203.jpg

 photo IMG_7101.jpg

 photo IMG_7104.jpg

 photo IMG_7134.jpg

 photo IMG_6939.jpg

 photo IMG_7215.jpg

 photo IMG_7210.jpg

#DomPerignonDecoding


tags: , , ,