VALENTINO: AT THE EMPEROR’S TABLE

“’L’idea di un piatto è una creazione non così dissimile da quella che porta alla realizzazione di uno splendido abito da sera su cui metto un fiocco e una balza. Si tratta di cercare gli elementi da abbinare e posizionare sul tavolo in mondo da rendere la composizione più “recherché” di una semplice tavola tradizionale e spoglia.”  Valentino Garavani

At The Emperor’s Table è il nuovo libro dello stilista Valentino recentemente pubblicato da Maison Assouline, che non solo descrive l’arte della cucina, ma anche l’eleganza nella sua presentazione. Un volume che racconta come vestire la tavola, viziare i propri ospiti, preparare piatti raffinati: uno sguardo intimo sulla vita del grande stilista spiegato tramite le illustrazioni di Oberto Gili e un’introduzione firmata da André Leon Talley.

Splendide fotografie dalle sue sontuose e raffinate dimore di RomaLondraParigiNew York, Gstaad e dal suo Yatch privato, ma anche istanti di vita di uno dei più iconici stilisti dell’ultimo secolo, caratterizzata da buon gusto, eleganza, raffinatezza e cura del dettaglio. Valentino: Imperatore della Moda e dell’Art de Vivre.

L’uscita del volume è stata celebrata da un’esclusiva cena da Christie’s a New York dove erano presenti moltissimi nomi del mondo della moda e non solo, amici di una vita dello stilista: Hamish Bowles, André Leon Talley, Paris Hilton, Reinaldo e Carolina Herrera, Alexa Chung e Laura Paulson. Una serata in cui Giancarlo Giammetti, braccio destro di Valentino non ha smesso di immortalare sorrisi, saluti e attimi chiave con la sua macchina fotografica sempre tra le mani.

A proposito di Giancarlo Giammetti, braccio destro, compagno e amico dello stilista, ha anch’esso pubblicato un libro pieno di retroscena: Private, edito da Assouline e presentato poco più di un anno fa al Claridge’s Hotel di Londra. Un volume che è una selezione di immagini scattate personalmente da Giammetti suddivise in quattro principali sezioni. Il primo, Early daysracconta la sua nascita durante la Seconda Guerra Mondiale, la giovinezza e il primo incontro con Valentino, avvenuto nel 1960 al Café de Paris a Roma. Poi, in The Tribe arrivano tutte quelle persone che hanno preso parte alla vita della coppia e alla nascita e al successo della Maison ValentinoWork è la sezione in cui si racconta il lavoro svolto dall’autore nella casa di moda romana, fatto di organizzazione, gestione e guida dell’azienda: un punto di riferimento fondamentale per lo stilista e per la maison. Infine, la sezione Society raccoglie le fotografie di tutti quei clienti ormai divenuti amici e famiglia.
 photo Valentino-6.jpg photo Valentino-2.jpg photo Valentino-4.jpg photo Valentino-5.jpg photo Valentino-1.jpg photo Valentino-3.jpg photo Valentino-7.jpg

 photo Giammetti-3.jpg photo Giammetti-2.jpg photo Giammetti-5.jpg photo Giammetti-1.jpg photo Giammetti-4.jpg

6. Valentino | At the emperor’s table – book (available here)


    1. Caro “x”,

      mi spiace davvero che tutti i tuoi commenti sul blog siano sempre e solo mirati a screditare il nostro lavoro.
      Non perderò quindi tempo a giustificare il fatto che si sia voluto definire un libro uscito da qualche settimana come “nuovo, sarebbe un ossimoro.

      Ti consiglio però di lavorare su te stesso e di cercare di trasformare tutta questa negatività in qualche cosa di costruttivo.

      Filippo

      1. Caro Filippo,

        “Sempre e solo mirati a screditare”? Alquanto induttivista da parte tua, devo decisamente smentirti: in più occasioni, quando mi è piaciuto ciò che ho visto e letto vi ho fatto i complimenti, vedasi 6 novembre, 27 giugno e 28 gennaio 2014, 28 ottobre 2013, ed altri post più addietro nel tempo che ora non ho voglia di mettermi a cercare.

        Che il tuo risentimento nasca dal fatto che abbia corretto il titolo nel post del 18 ottobre 2014, dove”lupi” era stato mal tradotto in inglese con “wolwes” (commento prontamente rimosso e titolo modificato con il corretto “wolves”)? Oppure da quando nel post del 31 ottobre 2014 feci notare che Manhattan è un’isola, non una penisola come inizialmente scritto, e anche in quell’occasione il commento mi fu cancellato e il testo modificato?

        I miei commenti sono a volte di apprezzamento, a volte di critica, ma MAI offensivi né volgari – tuttalpiù “scomodi”, quindi vengono eliminati. Io mi comporto in modo corretto e maturo: non sono sicuro che si possa sempre affermare lo stesso per te.

        Ma non temere: seguirò certamente il tuo buon consiglio e lavorerò sulla mia persona (dovremmo farlo tutti: ognuno può crescere e migliorare) e per l’anno nuovo farò il buon proposito di fare solo commenti che possano compiacerti.

        Begh

        P.S. Non so cosa tu creda che “ossimoro” significhi, ma l’uso che ne hai fatto è incorretto.

  1. Caro filippo l’indifferenza è l’arma migliore ricordalo..lascia perdere gente così !
    continuate con questo favoloso blog ! siete i migliori!

tags: , , , , , , , , , , , ,