UPPER EAST SIDE – AN ORDINARY DAY WITH SANTONI.

Siamo negli Stati Uniti da oltre due mesi e a breve rientreremo in Italia per le vacanze di Natale.

Non è stato difficile innamorarsi di New York fin dal primo giorno, perché qui non ci siamo mai sentiti estranei, neppure per un minuto, forse perché la città ci ha da subito aperto le braccia o forse perché sono tutti un po’ stranieri a NY.

Il quartiere nel quale abbiamo scelto di prendere casa è l’Upper East Side, più precisamente sulla 70esima strada.
Il neighborhood si sviluppa lungo il lato orientale di Central Park tra la 59° e la 96° strada ed è famoso, oltre che per i suoi musei, per essere una tranquilla zona residenziale e la migliore destinazione per lo shopping in tutta Manhattan.

Con il post di oggi vogliamo quindi svelare un po’ della nostra routine newyorkese e magari essere d’aiuto per chi, proprio come abbiamo fatto noi, si appresta a prendere una casa nell’Upper East.

 photo IMG_9x790-1.jpg
 photo IMG_980d0-1.jpg
 photo IMG_8856copia-2.jpg
 photo IMG_9700i.jpg
 photo IMG_8997-2.jpg
 photo IMG_9099-2.jpg
 photo IMG_9593s-1.jpg
 photo IMG_897s3.jpg

9 AM – prima colazione
Sant Ambroeus | 1000 Madison Avenue – NY

Da buoni italiani la nostra giornata non può che iniziare con la lettura di un quotidiano accompagnato da un buon caffè o da un cappuccino seduti al tavolino di un bar.
La nostra destinazione preferita per la prima colazione è il “Sant Ambroeus” sulla Madison Av., bar figlio dell’omonima caffetteria di Corso Matteotti a Milano.
Adoriamo il “New York way of living” ma un pizzico di italianità non può mai mancare.

 photo sant-ambroeus-1.jpg
 photo SANT-AMBROEUS-MADISON-AVENUE-1.jpg
 photo SANT-AMBROEUS-MADISON-AVENUE-2.jpg
 photo SANT-AMBROEUS-MADISON-AVENUE-3.jpg

11 AM – il barbiere
York Barber Shop | 981 Lexington Avenue – NY

Il York Barber Shop è una vera istituzione qui nell’ Upper East Side fin dal 1928.
Quando vogliamo dedicare un po’ di tempo a noi stessi veniamo qui per una rasatura tradizionale o per un taglio di capelli.
Ci piace questo posto perché è un po’ come ritornare indietro nel tempo, tanto si è circondati da ricordi accumulati negli anni.

 photo yorkbarbershop.jpg
 photo YORK-BARBER-SHOP-1-1.jpg
 photo YORK-BARBER-SHOP-2.jpg
 photo YORK-BARBER-SHOP-3.jpg
 photo YORK-BARBER-SHOP-4.jpg
 photo YORK-BARBER-SHOP-5.jpg

1 PM – colazione
The Loeb Boathhouse | East 72nd Street and Park Drive North – NY

Uno dei ristoranti più rappresentativi dell’ Upper east è sicuramente la Boathouse, nel cuore di central park.

Nato come rimessa per le barche, la Boathouse da più di 60 anni è un’istituzione per quanti amano trascorrere qualche ora lontano dal caos della città immersi nel verde del parco.
Nonostante la calda stagione sia il momento migliore per apprezzare pienamente il ristorante e il suo panorama, anche durante i mesi autunnali la Boathouse è un’ottima opzione per il pranzo o per il brunch domenicale.

Per chi vuole vivere un’ esperienza in pieno stile retrò, è possibile affittare una barca a remi dopo pranzo per esplorare il laghetto su cui si affaccia il locale, così da ritrovare uno di quei piccoli, semplici piaceri che rendono la giornata speciale.

 photo loeb-boathouse.jpg
 photo 85776132.jpg
 photo boat-house-2.jpg

2 PM
Central Park

Dopo il pranzo alla Boathouse, è inevitabile perdersi per i sentieri del parco, ogni volta incredibilmente diversi e nuovi.
Consigliamo una passeggiata attorno al Jacqueline Onassis Reservoir, una visita al Belvedere Castle e al Conservatory Garden, un giardino botanico organizzato in tre diversi stili: francese, italiano ed inglese.

 photo centralpark.jpg
 photo A-CENTRALPARK.jpg
 photo 1-SCARPE-SANTONI-CENTRAL-PARK-1.jpg
 photo 2-CENTRAL-PARK-FILIPPO-CIRULLI-2.jpg
 photo 3-CENTRAL-PARK-FILIPPO-FIORA-1-1.jpg
 photo 4-SCARPE-SANTONI-CENTRAL-PARK-3-1.jpg
 photo 5-CENTRAL-PARK-FILIPPO-FIORA-2-1.jpg
 photo 6-CENTRAL-PARK-FILIPPO-CIRULLI.jpg
 photo 7-SCARPE-SANTONI-CENTRAL-PARK-2.jpg

3 PM – Shopping
Creel and Gow | 131 E 70th Street – NY

“We found love at Creel and Gow”.
Proprio così, ci siamo letteralmente innamorati di Creel and Gow e del mix di oggetti accumulati che richiamano al mondo della natura e dell’insolito.
Un po’ bazar, un po’ wunderkammer, il negozio è un vero paradiso per gli amanti dell’home decor dal carattere forte, personale e ricercato.

Adoriamo comprare oggetti per la casa e, alla fine di ogni viaggio, non ritorniamo mai a mani vuote. Proprio per questo trascorriamo le giornate libere da impegni alla scoperta di nuovi negozi e mercatini dell’antiquariato, dove trovare oggetti insoliti e curiosi.


 photo creelandgow.jpg

 photo CREEL-AND-GOW-1-1.jpg
 photo IMG_904d1.jpg
 photo CREEL-AND-GOW-2.jpg
 photo CREEL-AND-GOW-3.jpg
 photo CREEL-AND-GOW-4.jpg
 photo CREEL-AND-GOW-5.jpg

3 PM – Shopping
Santoni flagship boutique | 762 Madison Avenue – NY

Anche lo shopping per l’abbigliamento qui a New York è una vera e propria tentazione.
Se poi sommate a questo il fatto di abitare a pochi metri dalle vetrine della Madison il gioco si fa ancora più difficile.

Una delle nostre fermate immancabili è la boutique Santoni, al 762 di Madison Avenue, progettata su modello del concept inaugurato per la prima volta con il flagship milanese di via Montenapoleone.
Le calde superfici rivestite in legno, tessuto e ottone satinato unite ad un arredamento dal sapore decò creano un’atmosfera intima ed elegante che diventa perfetta cornice per le collezioni uomo e donna.
L’offerta di prodotti Santoni è ampia: si va dalle sneakers, alle calzature in cuoio spazzolato a mano fino a modelli più preziosi realizzati in pellami esotici come il coccodrillo o lo struzzo.
Il negozio, inoltre, mette a disposizione di tutti i clienti Santoni un esclusivo servizio di “shoe-polishing”; vero e proprio unicum qui a Mahnattan.
Da quarant’anni la scarpa Santoni si distingue per la ricercatezza dei pellami utilizzati e per le meticolose tecniche artigiane che ne caratterizzano la straordinaria qualità: un costante lavoro di ricerca e perfezionamento che ha portato alla nascita di un’innovativa cultura della calzatura che, iniziata dal prodotto maschile, si è declinata alla donna e agli accessori.
La tradizione incontra l’innovazione, l’eleganza incontra lo stile.
L’apertura del negozio Santoni a New York rappresenta un importante traguardo sia per il brand che per il Made in Italy che ha trovato un valido ambasciatore dell’eccellenza manifatturiera italiana nel mondo.

 photo santoni.jpg
 photo madison-66th-street.jpg
 photo IMG_8892x.jpg
 photo SANTONI-BOUTIQUE-MADISON-AVENUE-1-1.jpg
 photo SANTONI-BOUTIQUE-MADISON-AVENUE-2-1.jpg
 photo SANTONI-BOUTIQUE-MADISON-AVENUE-3-1.jpg
 photo SANTONI-BOUTIQUE-MADISON-AVENUE-4-1.jpg
 photo SANTONI-BOUTIQUE-MADISON-AVENUE-5.jpg
 photo SANTONI-BOUTIQUE-MADISON-AVENUE-6-1.jpg
 photo SANTONI-BOUTIQUE-MADISON-AVENUE-7-1.jpg
 photo SANTONI-BOUTIQUE-MADISON-AVENUE-8-1.jpg
 photo SANTONI-BOUTIQUE-MADISON-AVENUE-9-1.jpg
 photo SANTONI-BOUTIQUE-MADISON-AVENUE-10-1.jpg
 photo IMG_9734copia.jpg
 photo SANTONI-BOUTIQUE-MADISON-AVENUE-11.jpg
 photo SANTONI-BOUTIQUE-MADISON-AVENUE-12-1.jpg

Filippo Fiora indossa scarpe derby Santoni in pelle con doppia fibbia (disponibili qui)

Filippo Cirulli indossa scarpe doppia fibbia Santoni (disponibili qui)


  1. Bellissimo post e foto incredibili!

    Devo venire a Milano la prossima settimana per farmi un regalo per Natale, mi avete dato un ottimo spunto!
    Continuate così!

    Paolo

  2. Ho acquistato Santoni per la prima volta un 5 o 6 di anni fa e da allora, almeno una volta all’anno, cerco di regalarmene un paio.
    Qualità e bellezza in una sola scarpa.

  3. Fil and Fil!

    This is one of my most favorite posts, not only because of the amazing fashion, but also because of the richness, text and the beautiful information in it, revealing a piece of your lifestyle and daily routines to your most loyal readers. New York is my personal favorite too, and I completely understand how you felt at “home away from home”. Thanks for sharing this with us!

    Love

  4. Molto bella l’idea di descrivere New York con le vostre abitudini, anche se poi ci mettete dentro un pò di pubblicità ;-)
    devo dire che il collo alto mi piace molto in entrambi i vostri outfit. Forse questa volta preferisco quello di FF in quanto è più unitario come colore, mentre quello di FC fa, a mio avviso, abuso di colore (le calze blu, la scarpa nera, il maglione bordeaux, il cappotto blu, la giacca verde….). Ad ogni modo ho capito che l’obiettivo del vostro articolo odierno è quello di proporre qualcosa di solito, in modo “insolito” e per questo siete stati veramente bravi.
    Complementi sempre per l’allure che si respira nelle vostre foto!
    http://www.aboutaman.net

  5. Hi Phil, I love this autumn inspired look against the picturesque background of New York. Absolute perfection! Where are the Roll Neck Jumpers from? I desperately need some for the chills in London.
    Ciao x

tags: , , , ,