Il tradizionale tessuto Tartan

Origini e leggende

Patria storica del Tartan sono le Highlands, regione montuosa della Scozia, dove questo particolare tessuto divenne simbolo di un forte nazionalismo scozzese in seguito alle guerre d’indipendenza. Ad ogni clan, o grande famiglia, veniva assegnato un disegno esclusivo quale segno di distinzione ed identità, infatti i vari reggimenti scozzesi si diversificavano in base ad un Tartan differente: il caratteristico kilt.

 photo Tartan-ThethreeF.png

La campagna scozzese

A partire dal XIX secolo, il tessuto scozzese acquistò un’immagine particolarmente forte e positiva diventando un cult, ed incentivando un proficuo interesse di tipo economico. Ancora oggi molti lanifici scozzesi continuano a produrre Tartan originali e d’alta qualità, che esportano in ogni paese del mondo senza perdere quel velo di romanticismo che li avvolge provenendo da una così piccola regione dalla grande storia. Questa lana così selvaggia, ha un leggero odore di suint, cioè grasso animale, ed è inoltre da ricordare che la prima lavatura di queste lane, dopo la tosatura, si faceva nei torrenti d’acqua pura che scendono dalle colline delle Highlands.

 photo Tartan1-TheThreef.png

Tartan Buchleigh e Tartan Buie
 photo Tartan2-TheThreeF.png

Tartan Crieff District e Tartan Currie

Un classico contemporaneo

L’originale materiale è per lo più andato perso nell’industria della moda moderna, nella quale vengono spesso vengono utilizzate stoffe di lane finissime, così differenti da quelle primitive della vecchia Scozia. Ma la texture è rimasta in molti casi invariata ed in altri reinventata, ormai applicata su ogni genere di prodotto, dalle borse ai cappelli, dai blazer ai pantaloni. Tessuti dal carattere forte che diventeranno leggenda per i cultori della tradizione inglese, ma anche amati dagli appassionati di golf e da chi veste uno stile bucolico.

 photo TARTANARMYOFSENIORPROSAUG2012.jpg

Tartan Army of Scots-born Senior Tour Professionals

 photo Tartanstreetstyle.png

Streetstyle, Londra

 photo jackguinessstreetstyle.jpg

Jack Guinness

Il Tartan è un classico intramontabile che ogni anno si rinnova, accostandosi al denim ed alla pelle, riletto e rivisitato in ogni chiave. Quest’anno Moschino l’ha proposto su cappotti, blazer e pantaloni, in una collezione molto glamour, ed anche per il prossimo autunno/inverno lo vedremo protagonista di molti outfit. Il brand Etro ha da poco presentato la collezione menswear fall/winter 2014/2015 dove il tartan va a distribuirsi sugli eleganti completi sartoriali, regalandogli un tocco originale ed un allure irresistibile.

 photo Etro-Tartan.png

Etro Fashion Show autunno/inverno 2014/2015


  1. Tengo a precisarle un errore nella parte delle origini del tartan. Lei scrive “Ad ogni clan, o grande famiglia, veniva assegnato un disegno esclusivo quale segno di distinzione ed identità”. Veniva assegnato da chi?! Per essere breve, il tartan, a contrario di qualto lei, scrive è un motivo nato nell’età feudale scozzese utilizzato dai singoli clan delle Highlands e si sviluppò a tal punto da diventare un importate simbolo di appartenenza al clan stesso così da identificare i membri di una stessa famiglia (clan) indipendentemente dal luogo nel quale vivono.

    Cordiali saluti.

  2. Pillar articles are fairly timeless, so a year later they will still be relevant
    and popular. Besides providing comments, some blogs
    will allow you to make guest posts, as this can be mutually beneficial to both of you.

tags: , , , , , , , , , ,