BELLE COL BALLETTO.

Espandiamo sempre più i nostri orizzonti al Girls’ corner e parliamo di fitness! Dopotutto, anche se sta per arrivare il freddo e con lui la cucina grassa obesa calda e corroborante che tanto amo, la moda ci impone anche questa stagione skinny jeans e per le più coraggiose crop tops (che, a proposito, saranno un grande hit della primavera/estate 2014).

Personalmente, quest’inverno ho deciso di diventare “Parisienne”, quel misto di elegante casual chic difficilissimo da ottenere, ben impersonato da Emmanuelle Alt e dai brand Iro, Maje e Sandro (tra i miei preferiti). Quindi, si impone una coscia ben tornita, una gamba scattante e una magrezza non indifferente per essere in grado di portare decentemente questo look. La pancia la tralasciamo, ormai è una causa persa e dopo 26 anni sono giunta alla conclusione di non possedere i muscoli addominali.
Quando ho letto delle classi del centro “Barrecore” a Londra non ho potuto fare a meno di andarle a provare. Il barre workout é una disciplina molto in voga negli USA, importata in territorio londinese da un’allieva di Tracy Anderson, la trainer responsabile del fisichino di Gwyneth Paltrow, mia discutibile musa, e consiste in un ibrido tra pilates, danza e movimenti alla sbarra usati dalle ballerine come tonificazione ed allenamento. La promessa è appunto quella di farti ottenere il fisico delle ballerine, asciutto e proporzionato, tonico ma non tozzo, grazie a un training focalizzato su glutei, addome e interno coscia.

gwyneth-paltrow
Da negata della danza (ai saggi venivo sempre messa in ultima fila, finchè mia madre non si è andata a lamentare con l’insegnante, sostenendo che dato che anche io pagavo la retta del corso come tutte avevo diritto ai miei 15 minuti di celebrità), sono stata conquistata! La mia forma fisica è altamente discutibile, quindi non faccio grande testo, ma ho iniziato a sudare e soffrire e sentirmi le gambe bruciare dopo solo 15 minuti di lezione! Per fortuna, il metodo d’insegnamento è molto all’americana, quindi le istruttrici ti incoraggiano con frasi motivazionali a non mollare, a pensare alla stagione festiva che si avvicina e ai bei vestiti scollati che indosserai (mentre io quando penso al Natale penso solo a tortellini, cappone e panettone con gelato di crema, ma va bè). A onor di cronaca, in questo post di “sputtanamento”, aggiungo anche che mi sono sentita un brutto anatroccolo, con i miei legging H&M e una maglietta di mio fratello larga apposta a coprire la pancia, in uno studio di super infisicate, tonicissime fighette londinesi, tutte con abbigliamento supertecnico molto fashion, che però faticavano e tremavano quanto me, nonostante non stessimo facendo alcun tipo di attività aerobica. (A proposito, voi di che scuola siete? Abbigliamento da veri professionisti o leggings diventati troppo larghi e brutti per usarli in contesti normali e maglietta da casa?)

1
Insomma, il centro che ho provato e la disciplina- che mi piacerebbe importare in Italia- sono solo il pretesto per dialogare con voi sulla vostra fitness routine. Io sono negata, mi annoio subito e ho provato un sacco di sport diversi (corsa, nuoto, pilates) per cercare di mantermi in forma e non mollare alla terza lezione. In un periodo di particolare “ricchezza” ho addirittura preso un personal trainer, ma riuscivo a lamentarmi anche con lui perché facevo troppa fatica! Per ora, l’unica costante della mia vita è lo yoga.
A voi cosa piace? Fate sport perché fa bene? Per scaricarvi, distrarvi, muovervi e divertirvi o lo fate perché va fatto? Io mi muovo per mangiare, so che non mi fa onore, ma sono nata pigra, cosa ci posso fare?

barre workout


tags: , , , , , , , , ,