#MFW. ALL ABOUT TRUSSARDI.

IMG_9631
 photo IMG_9654.jpg
 photo IMG_9775copia.jpg
 photo IMG_9992.jpg photo IMG_9823.jpg
 photo IMG_9886.jpg photo IMG_9877copia.jpg
 photo IMG_9911.jpg photo IMG_9882.jpg
 photo IMG_9940.jpg
 photo IMG_9988.jpg

++++

 photo IMG_9487.jpg
 photo IMG_9498.jpg
 photo IMG_9508.jpg
 photo IMG_9524.jpg
 photo IMG_9539.jpg
 photo IMG_9549-1.jpg
 photo IMG_9560.jpg

Siamo nel mezzo del deserto africano. Tra le dune fa capolino una schiera di uomini.

Gaia Trussardi, nuovo direttore creativo, propone per la prossima estate una collezione elegante, raffinata e dalle linee pulite ed essenziali.
I colori sono quelli insiti nel DNA della maison, dal bianco assoluto ai più caldi colori della terra.

Un ottimo debutto.

Trussardi total look
Orologio Audemars Piguet + Bracciale Hèrmes collier de chien


  1. Penso che i colori che richiamano i viaggi ed i safari,siano il classico per eccellenza dello stile maschile per la stagione calda,il marrone bruciato,il beige,il verde militare,il bianco avorio,sono quei colori che subitaneamente ti fanno piombare con la fantasia nel pieno della savana del Serengeti,oppure immaginare di essere in Cambogia come inviato di guerra alla Tiziano Terzani,oppure essere semplicemente un architetto di Cremona,ma meneghino d’adozione,che carico di queste letture e con quei colori che Borges chiamerebbe dell’Aleph,affronta ogni giorno tra le vie di Milano , quel viaggio che attraversando il deserto del cattivo gusto,ci porta all’improvviso in quello che forse sarà un miraggio,ma intanto s’intravvede all’orizzonte un minareto bellissimo,che ci promette quel fresco che solo l’ombra dello stile più donarci.

    1. ahah esatto!
      comunque mi piace la coerenza di FF che mette robe assurde come questo outfit solo perchè trussardi gliele da perchè le metta alla sfilata. Cose che innegabilmente non metterebbe mai normalmente!!! ahaha

  2. Ahahhaahh a Serghio se vuoi ti pago un tassì così puoi raggiungere quel paese,dove con la tua educazione non avrai nessunissimo problema a fare subito amicizia con i villani come te.
    E mi fermo qui perchè sono un ospite di uno spazio non mio e non ci sarebbe nessun gusto ad insultare te e le donne di casa tua,le quali,penso,amerebbero tanto vedersi quei pali della luce,su cui tu mi inviti a salire per scrivere,nelle loro vulve ormai sciatte e sfatte da onoratissimi anni passati nei peggiori postriboli da dove tu hai scritto questo tuo mirabile intervento.
    Mi scuso con i proprietari del blog,ma la cattiva educazione ,nel momento in cui si esercita un proprio diritto di opinione,non la tollererò mai.

tags: