THE LITTLE BLACK JACKET

Di recente, sono andata al cinema a vedere un film che non vi consiglio assolutamente, A lady in Paris, ma nel quale la protagonista è una simpatica vecchietta, interpretata da Jeanne Moreau, di Chanel tutta abbigliata.

Mi ha fatto, quindi, riflettere su come certi capi icona si prestino ad essere portati da persone di tutte le età, e a conferire classe, charme ed eleganza anche a chi magari non l’ha innata (ma ricordiamoci che i casi irrecuperabili tali rimangono, non importa se indossino Hermès o Céline!). Il libro “The little black jacket”, fortemente voluto da Karl Lagerfeld, splendido fotografo, e Carine Roitfeld in versione stylist, offre diversi spunti su come indossare la giacca e renderla un capo adatto a uomini e donne di ogni età, e mostra come la giacca funzioni declinata in diversi stili, dal rock, al preppy, al punk, al classico Chanel: perfetta con tre giri di perle (preferibilmente sia bianche che nere), due bangles simmetrici al polso e una bella camelia.

 photo paris2.jpg
 photo paris1.jpg
 photo paris3-1.jpg

La giacca nasce nel 1954, quando Mademeoiselle riapre la sua boutique a Parigi, e la sua creazione è animata da quella che è stata l’idea conduttrice in tutto il processo creativo della vita della stilista: liberare la donna dalle costrizioni, assicurarle libertà di movimento e creare capi che fossero semplici, eleganti, pratici e funzionali al tempo stesso. La giacca ne è l’esempio: è dritta e lineare, ha quattro comode tasche, le maniche larghe per muoversi liberamente, sta bene a tutte, è raffinata ma non costringe. è un capo che ancora oggi, dopo 60 anni, mantiene inalterato il suo fascino. Io stessa sono da un paio d’anni alla ricerca della classica, perfetta giacca icona di Chanel e chissà, forse nella prossima stagione sarò fortunata! Intanto, vi invito a sognare con me di indossare questo oggetto del desiderio, lasciandovi un po’ di ispirazione su come personalizzarlo, dopo tutto, è l’attitudine che conta, no?


  1. La smettiamo di scrivere “cum laude” come se fosse chissà che merito? nell’università italiana solo veramente i peggiori non lo ottengono -.-‘

tags: , , , ,